Quali dei nostri avanzi possono essere mangiati dal cane?

I veterinari spessissimo si sentono chiedere da chi possiede un cane se è possibile nutrire l'animale con lo stesso cibo consumato dagli umani o dare loro degli avanzi. La risposta non è affatto banale perché è vero che gran parte degli alimenti consumati normalmente non sono tossici per i cani, ma bisogna essere a conoscenza di alcune cose prima di procedere a condividere il cibo con i propri amici a quattro zampe.

Un cane non può mangiare soltanto avanzi

L'alimentazione di un cane di base deve essere ben bilanciata. Non importa se i nostri nonni, magari contadini, nutrivano i cani con gli avanzi perché nel tempo gli studi hanno mostrato che questo comportamento può provocare problemi di salute nell'animale, dovuti proprio all'alimentazione scorretta e totalmente sbilanciata.
La pancreatite è una delle problematiche più comuni che possono interessare il cane. Non a caso, i veterinari affermano di notare un aumento dei casi soprattutto durante i periodi delle feste, quando è più probabile che ai cani arrivino gli avanzi rimasti nel piatto. La risposta alla domanda "i cani possono mangiare i nostri avanzi?" quindi è che sì, è possibile, ma in modo occasionale e seguendo alcune regole.

I cibi pericolosi per i cani

I cani hanno un apparato digerente che funziona in modo diverso da quello umano. Ne consegue che alcuni alimenti possono essere altamente pericolosi e tossici come ad esempio la caffeina, il cioccolato o l'uva. Da evitare anche aglio e cipolla, che danneggerebbero i globuli rossi dei nostri amici a 4 zampe, i cibi molto salati che potrebbero provocare addirittura degli attacchi epilettici, così come l'apparentemente innocuo avocado, che contiene invece una tossina fungicida che potrebbe provocare nell'animale problemi allo stomaco.

Occhio anche alle carni con piccole ossa, come il pollo perchè il cane corre il rischio di soffocare o riportare lesioni all'apparato digerente. Le noci, quelle tradizionali o di macadamia, possono provocare ostruzioni intestinali e vomito. Parsimonia anche con i livitati, perchè provocano gonfiore causando dolore addominale e possibile intossicazione da alcol.

Per altri alimenti, invece, vi è una tolleranza molto bassa come avviene nel caso del grasso visibile di carne o prosciutto crudo, spesso e volentieri dato al cane (che ovviamente gradisce particolarmente). Questi elementi sono difficili di digerire e potrebbero causare diversi problemi allo stomaco o all'intestino.
Oltre a questo è necessario sapere che anche la sensibilità ad alcuni cibi può variare da un cane all'altro. Alcuni animali possono ben tollerare gli scarti e gli avanzi, mentre altri non riescono a farlo.

Le abitudini di casa

Gran parte dei padroni di cani finiscono prima o poi con il condividere cibo col loro fedele amico. Ma, oltre a domandarsi se quello che stanno per mangiare può o meno essere pericoloso, è bene anche sapere che in quel momento si sta dando un determinato tipo di educazione all'animale. Se lo si abitua a non ricevere niente dal tavolo questo comportamento rimarrà sempre tale e il cane non sarà portato a chiedere cibo né ai padroni né in presenza di ulteriori ospiti a cui magari tale comportamento potrebbe risultare poco carino o sgradito.

Condividere i pasti con l'animale

Le filosofie che riguardano il cibo e l'educazione del cane sono diverse. Alcuni ritengono che l'animale vada nutrito poco prima o durante lo stesso pasto, così da creare un momento di condivisione uomo-cane ed evitare che il peloso amico guardi implorante e speranzoso la tavola dei suoi padroni. Questa abitudine aiuterà a facilitare anche l'educazione dell'animale che non deve abituarsi ad elemosinare cibo dal tavolo.

Per quanto riguarda la domanda iniziale se i cani possono mangiare i nostri avanzi la risposta è più verso il no ma se si decide di farlo è bene usare moderazione. Gli avanzi non vanno intesi né come premi né come unico nutrimento. Condividere con l'animale un po' di cibo va bene purché resti una cosa occasionale e sporadica. Conservare gli avanzi ed offrirli all'animale al momento della pappa può essere una valida alternativa che eviterà di ritrovarsi con gli occhioni languidi dell'animale durante un pranzo o una cena. Infine, anche gli avanzi devono essere selezionati, scegliendo alimenti sani e nutrienti, così da evitare anche rischi per problemi di salute. In questo caso è bene preferire alimenti proteici (carne, pesce, uovo) e limitare l'uso di cereali (pasta, riso, pane). Vietati uva, aglio, ogni tipo di dolce oltre al cioccolato e gli alimenti a base di caffeina.

Non perderti nemmeno un articolo Seguici su Facebook

Hai domande o vuoi lasciare un commento?