Dieta Dinner Cancelling: funziona davvero?

Dieta Dinner Cancelling: funziona davvero?
Photo credits:

È risaputo che se a colazione ci si possono concedere parecchie calorie e mangiare anche cibi piuttosto pesanti, i pasti successivi dovrebbero progressivamente farsi più leggeri e sopperire ai cali di energie che durante il giorno sono inevitabili. La dieta dinner cancelling passa oltre ed elimina completamente la cena.

Introdotta dal medico tedesco Dieter Grabbe, si basa sul principio secondo il quale all’organismo sono necessari cicli di digiuno, programmato per questioni di regolarità, che gli permettono di depurarsi e sfruttare al meglio i nutrienti che ha assunto durante il giorno.

Con questo metodo, assicura, si ritrovano energia e salute. Secondo il medico tedesco, durante la notte, a digiuno, il metabolismo in qualche maniera si inverte e questo previene l'invecchiamento.

I segreti della dieta

Ci sono alcune regole ben precise da seguire.

La prima è il divieto assoluto di cibi solidi e consistenti dopo le 17. A partire da quest’ora, durante il coprifuoco sono concesse solo tisane e bevande leggere e depuranti, ma se necessario si possono anche assumere ogni tanto snack vitaminici se si dovesse avvertire un calo delle energie. Le bevande non andrebbero zuccherate, ma un poco di miele è comunque concesso.

Gli effetti pare che siano al limite del miracoloso si va da un sonno più facile e tranquillo al rafforzamento del sistema immunitario. Il metabolismo non viene appesantito e i grassi che sono presenti nella dieta di ogni giorno verrebbero assimilanti in maniera più efficiente.

Non tutti i medici, però sono d’accordo con la dieta dinner cancelling. Se da un lato è vero che il metabolismo al mattino è più veloce che durante la sera, secondo questi esperti un digiuno dalle 17 in poi non avrebbe nessun effetto di inversione, anzi, si limiterebbe e mettere il metabolismo in una sorta di stato letargico.

Secondo loro alla sera si dovrebbe mangiare poco, leggero e senza condimenti. Infatti alcuni studi dimostrano che per velocizzare la risposta metabolica, il, segreto sono piccoli e frequenti pasti, mai troppo calorici.

Provare la dieta

Il punto chiave di una dieta che ci vede a digiuno per tutta la notte è rincominciare di slancio con una colazione seria. Non si tratta di strafare nel primo e più importante pasto della giornata, quindi niente abusi di cornetti ripieni e torte, ma un buon apporto equilibrato di vitamine e zuccheri, necessari per ripartire, con frutta fresca e secca.

Per orientarsi un minimo su come potrebbe essere una giornata tipo con la dieta dinner cancelling, si deve per forza proporre almeno un menù modello, ma poi sta ai singoli regolarsi per le porzioni e la scelta di pietanze, anche in base ai loro gusti e alle attività da svolgere durante il giorno.

A colazione può andar bene uno yogurt magro piuttosto abbondante con un paio di cucchiaini di frutta secca o muesli, magari con un po’ di miele. Se preferite il salato, un panino con tre fette di prosciutto magro ed una bella spremuta fresca di arancia.

Per pranzo una sogliola al vapore, 200 grammi di patate lesse ed un pompelmo, buono per sciogliere i grassi. Si prosegue con la merenda, necessaria per tenersi attivi, con un po’ di formaggio light su una fetta di pane ed una spruzzata di noci o nocciole, ricche di vitamine e calorie. A cena una tisana depurante di tiglio con un cucchiaino di miele.

Hai domande o vuoi lasciare un commento?