10 Merendine anni '80 fuori produzione (che fanno subito nostalgia)

Icone dei famigerati anni Ottanta, rimarranno un ricordo indelebile nella memoria di tanti quarantenni, cresciuti felicemente a colpi di cartoni animati, canzoni di Cristina D'Avena e di Bim Bum Bam, quando ancora Paolo Bonolis era un ragazzo poco conosciuto e divertiva i bambini insieme a Uan, il famosissimo cane rosa.
Certe merendine non si possono dimenticare, anche se oggi farebbero storcere il naso e impallidire gli esperti dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Oggi fuori produzione, ne ricordiamo 10 con nostalgia e un certo languorino:

Soldino

Re indiscusso delle merendine, il Soldino del Mulino Bianco popolava immancabilmente i carrelli della spesa. Di forma quadrata, si mangiava in due tempi. Prima toccava al morbido Pan di Spagna farcito con una golosissima crema al cacao e ricoperto con un sottile e croccante strato di cioccolato al latte. Poi, si passava alla monetina di cioccolato fondente posta sulla superficie. Negli anni Novanta, l'azienda ne ha modificato la forma, decretando così la fine di un mito.

Ph credit: www.mulinobianco.it

Piedone

Molto amato dai bambini, il gelato a forma di piede spopolava tra i banchi frigo. Per poterne acquistare uno, bisognava attendere la fornitura successiva. Cosa aveva di speciale? L'originalità senza dubbio, ma anche un delizioso gusto alla fragola abbinato ad un retro in cioccolato soffice. Qualche anno dopo venne proposta la versione rinnovata realizzata con delizioso gelato alla fragola variegato alla vaniglia e il pollice in croccante cioccolato al latte.

Urrà

Negli anni Ottanta, Saiwa presentò Urrà, lo snack più godurioso di quei tempi (o forse di tutti i tempi). Il famoso wafer a 5 strati farcito con morbida crema e ricoperto di cioccolato era pubblicizzato dall'indimenticabile e occhialuto Mister Banana,. Chi non ricorda la mitica frase "Io non ho mai provato Urrà!"?

Ph credits: Pinterest

Tortorelle

Antenate dei famosissimi Pan di Stelle, le Tortorelle Mulino Bianco erano biscotti di pasta frolla con degli uccellini di glassa sopra. Chi non ha mangiato prima la tortora e poi il biscotto?

Ph credits: Mulinobianco.it

Twister

Proseguiamo il nostro viaggio negli anni Ottanta con un'altra icona di quel mitico periodo. Il Twister prodotto dalla Eldorado era un vortice di gelato alla vaniglia con croccante cioccolato. Solo qualche anno dopo venne aggiunto anche il gusto alla nocciola.

Target

Per la serie "giochi educativi", Target erano delle gomme da masticare alla fragola del tutto simili, per packaging, alle sigarette. Il divertimento per noi ragazzi degli anni Ottanta era di fingerci accaniti fumatori e se proprio non potevamo resistere al profumo invitante, potevamo togliere l'incarto e masticarle.

Solero

Erano i primi anni Novanta e il Solero cominciava a dare spallate all'indimenticabile Calippo (il ghiacciolo dai vari gusti, tra cui il più apprezzato era sicuramente quello alla Coca Cola). Precursore della cucina molecolare, la versione shot altro non era che un contenitore con all'interno delle piccole sfere gelate dal sapore tropicale.

Ph credits: Pinterest

Uao

Ispirato al Cucciolone, il biscotto della Saiwa doveva essere oltre che goloso anche istruttivo. Le vignette stampate avevano come protagonista Snoopy e i suoi amici con il preciso scopo di insegnare l'inglese ai bambini. Su ogni biscotto era riportata una parola in italiano e la sua traduzione sotto.

Ph Credits: tutto80

Winner

Come dimenticare il Winner Algida, anche in versione Taco? Il goloso snack altro non era che un Mars trasformato in gelato con un croccante strato di cioccolato esterno e un cuore morbido di caramello e gelato alla vaniglia.

Ciocorì e Biancorì

Come non potevamo citarli? Il Ciocorì è stato il precursore del famoso Kinder Cereali. Disponibile sia nella versione con cioccolato fondente che bianco, era lo snack più amato. Un po' meno in estate quando con la calura si scioglieva, rimanendo incollato all'involucro e alle mani.

Ph credits: Pinterest

Il viaggio negli indimenticabili anni Ottanta finisce qui. Con un po' di nostalgia ricordiamo quei tempi in cui tutto era straordinariamente magico. Merendine e gelati rimarranno nei nostri ricordi.

Non perderti nemmeno un articolo Seguici su Facebook

Hai domande o vuoi lasciare un commento?
Commenti degli utenti

Antonia Pirrone
venerdì 5 marzo 2021

I mini oro saiwa vi prego rimetteteli in produzione

Rispondi