Miglior rosso del 2020: è italiano e ha un punteggio di 98/100

La rivista Decanter conferisce al Fieramonte di Allegrini il titolo di Miglior Rosso al mondo del 2020. Un prestigioso riconoscimento che pone l'enologia italiana sul podio internazionale. Un punteggio eccezionale, infatti, è stato ottenuto da questo Amarone della Valpolicella Riserva dell'azienda Allegrini che da sempre si dedica alla ricerca della qualità assoluta. Questa è una story telling iniziata decenni or sono e sviluppatasi attraverso passione, lavoro e conoscenza del terroir e delle sue straordinarie potenzialità.


Fieramonte, Amarone Classico Riserva: miglior rosso del 2020

L'azienda Allegrini è veramente orgogliosa del prestigioso riconoscimento ottenuto dal Fieramonte Amarone Classico Riserva DOCG. Il lavoro condotto sia in vigna che in cantina è stato premiato con un punteggio di 98/100. La stessa Marilisa Allegrini si emoziona rivolgendo il pensiero al fratello Franco che con tanta passione ha aspettato che il vigneto abbia raggiunto la perfetta maturità prima di avviare la vinificazione delle uve destinate alla produzione dell'Amarone. Marisa Allegrini racconta, inoltre, che la produzione del Fieramonte è ricominciata dopo una pausa di ben 25 anni. Il 2012, infatti, è la seconda annata prodotta dopo questo lungo periodo di riposo. La segnalazione del Fieramonte Amarone Classico Riserva DOCG 2012 è stata fatta dal corrispondente italiano della rivista Decanter.

Ricordiamo, che la rivista Decanter è una rivista considerata il punto di riferimento mondiale per appassionati, produttori e collezionisti di vino. La rivista prende in esame i vini disponibili sul mercato offendo consigli e raccomandazioni ai consumatori finali. Ogni anno, il magazine organizza il Decanter World Wine Awards, il più grande concorso vinicolo al mondo. La giuria è composta da autorevoli personaggi che si sono distinti nel mondo del wine business e delle degustazioni, esperti nel settore di appartenenza. La loro preparazione e affidabilità, inoltre, è riconosciuta a livello internazionale. La giuria che assegna il titolo di Miglior Rosso al Mondo ha condotto una degustazione alla cieca. Della giuria hanno fatto parte il Master of Wine Andy Howard, il Master Sommelier Ronan Sayburn e il buying manager di Direct Wine Beth Willard.


Miglior rosso del 2020: premio al vino e al territorio

Fieramonte Amarone Classico Riserva DOCG 2012 è stato eletto il miglior rosso al mondo dopo un'attenta valutazione delle sue caratteristiche organolettiche. Il punteggio di 98/100 è stato assegnato considerando la complessità delle emozioni suscitate nell'animo di chi ha degustato questo vino figlio della viticoltura italiana di qualità. Ma perché l'Amarone è così complesso? L'Amarone, innanzitutto, nasce in un contesto vitivinicolo particolare le cui potenzialità vanno ricercate nella composizione geologica formatasi milioni di anni fa. Secondo, nella sua vinificazione accurata che prevede passaggi ben precisi: epoca di vendemmia, appassimento e perfetta sincronizzazione della pigiatura quando gli zuccheri hanno raggiunto la giusta concentrazione attraverso la perdita di contenuto d'acqua degli acini. Il successivo passaggio in legno fa il resto. L'Amarone Fieramonte, Miglior Rosso del 2020, ha maturato a lungo in barriques di rovere francese che hanno contribuito ad esaltare e arricchire il vino di sfaccettature olfattive e gustative uniche. Sfaccettature riconosciute alla cieca dalla prestigiosa giuria di Decanter.

Ph: VeronaSera

Non perderti nemmeno un articolo Seguici su Facebook

Hai domande o vuoi lasciare un commento?