Vino e vendite online: un connubio di successo

La vendita del vino? Oggi avviene quasi solo online. Come documentato dall'Osservatorio Wine Monitor di Nomisma, infatti, complice la pandemia di Covid 19, oggi si assiste a un vero e proprio boom nella vendita online di vino. Questo connubio di successo è in continua e costante espansione: gli esperti stimano che mai si sarebbero raggiunti certi target - si parla di un aumento delle vendite online del circa 7% - senza l'avvento del Covid e delle sue nefaste conseguenze nel settore HO.RE.CA.

E-commerce e vini pregiati: quando la vendita è online

Il 2020 passerà alla storia come l'anno che ha cambiato per sempre la vita di miliardi di persone. Con l'emergenza epidemiologica, il necessario distanziamento e, soprattutto, la chiusura a intermittenza di ristoranti ed enoteche, sono decisamente cambiate le nostre abitudini di vita.

E se prima potevamo concederci un buon calice di Chardonnay o un robusto bicchiere di brillante Brunello di Montalcino comodamente seduti al tavolo di un ristorante, per soddisfare la nostra voglia di vino oggi possiamo acquistare direttamente online.

La sospensione di fiere e grandi eventi, lo stop ai matrimoni e le già citate chiusure delle maggiori attività ricreative relative al mondo del food&beverage, però, pare non abbia influito su di un settore così delicato come quello della vendita di vino. Il 2020 è stato l'anno della svolta facendo raddoppiare il fatturato con un valore medio di vendite online attestato intorno ai 200 milioni di euro.

Un successo imprevedibile?

Se non ci fosse stata l'epidemia di Covid 19 ci sarebbe stato egualmente il boom delle vendite online di vino? La risposta a tale domanda non è proprio semplicissima perché deve tener conto di diversi dati.

Secondo il parere di alcuni esperti, infatti, si tratterebbe di un successo davvero insperato e inaspettato: una crescita così esponenziale, in altri tempi, avrebbe richiesto circa 5 anni. Secondo altri, invece, il boom riscontrato nella vendita online di vino ha avvantaggiato le imprese che già avevano all'attivo il proprio e-commerce oltre che le già note piattaforme di wine delivery.

I produttori vinicoli, soprattutto quelli di piccole dimensioni e che hanno dovuto scontare il prezzo più alto della crisi economica in atto, hanno diversificato la vendita di vino e hanno spostato l'attenzione dal canale HO.RE.CA a quello della grande distribuzione, rivolgendosi anche ai distributori esteri. E, nonostante i sacrifici posti in essere, i risultati iniziano ad arrivare con vendite online sempre più apprezzate dagli amanti del vino di tutte le età.

Luci e ombre della vendita online di vino

Benché si tratti di un successo davvero sorprendente, soprattutto considerando il momento buio che ci troviamo ad affrontare a causa della pandemia e della crisi economica sempre più soffocante, la vendita online di vino ha anche le sue ombre.

Come ben spiegato da Denis Pantini, responsabile Wine Monitor, le aziende vinicole più piccole hanno pagato un prezzo davvero troppo alto nel 2020. Senza contare, poi, l'aspetto del marketing. Tendenzialmente, infatti, piccoli produttori e aziende vinicole demandano l'aspetto marketing direttamente al distributore, colui che presenterà e promuoverà quella bottiglia all'acquirente finale.

Con ristoranti ed enoteche chiuse, ovviamente, tutto questo è venuto meno. Chi non ha risentito di questo periodo di stop sono state le aziende che, già in tempi in sospetti, hanno copiosamente investito nel campo del marketing. Molte aziende, infatti, hanno bypassato la figura del distributore e si sono rivolte direttamente al consumatore, anche attraverso una politica di fidelizzazione del cliente con la sottoscrizione di un abbonamento e l'invio periodico di diversi tipi di vino.

Che la vendita online di vini possa diventare una solida realtà anche a termine dell'epidemia? Considerando i dati sempre più positivi tutto fa pensare a un trend in costante ascesa: il canale e-commerce sarà la rivoluzione del futuro in un mercato sempre più diversificato e competitivo.

Non perderti nemmeno un articolo Seguici su Facebook

Hai domande o vuoi lasciare un commento?