Quali sono i cibi della felicità?

Che il cioccolato fondente fosse il cibo antidepressivo per eccellenza pare non sia più un mistero per nessuno. Forse, però, non tutti sanno che esistono decine di piatti e pietanze che svolgono il ruolo di veri e propri cibi della felicità. Quali sono? Scopriamolo insieme.

Cibi della felicità: perché sono così importanti?

Complice il difficile periodo pandemico che ci troviamo ad affrontare, sempre più spesso cerchiamo coccole e conforto nel cibo. No, non siamo strani e non abbiamo alcuna predilezione particolare per le grandi abbuffate ma, semplicemente, il nostro organismo ci avverte di avere maggiore bisogno di cibi, sostanze e nutrienti che siano in grado di stimolare le endorfine per produrre un quantitativo maggiore di serotonina, universalmente conosciuto come l'ormone della felicità.

Diversi, difatti, sono i cibi che ci regalano benessere e buonumore grazie alla loro strettissima correlazione con il nostro cervello: oltre a sostenerci e darci energia, quindi, essi migliorano l'umore e ci aiutano a recuperare dallo stress fisico e mentale. Secondo studi recenti, pertanto, dovremmo preferire cibi ricchi di Omega 3, vitamina C e triptofano, considerati assolutamente perfetti per migliorare tono e umore anche durante le giornate più buie.

Cioccolato, uova, avocado e frutta secca: ecco da dove partire per migliorare l'umore

Dopo questa doverosa premessa, utile a capire perché dovremmo scegliere un certo tipo di cibi e sostanze per migliorare il nostro umore, scopriamo adesso quali sono i migliori cibi della felicità.

Il cioccolato fondente è il cibo della felicità per eccellenza. Grazie al suo aroma intenso e robusto, il cioccolato ha il pregio di migliorare sensibilmente il nostro umore e di regalarci un pizzico di felicità.

Perfetto antiossidante, ricco di triptofano e di prebiotici, il cioccolato contiene endorfina, difenildantonina e feniletilamina, considerate le sostanze chiave per aumentare la produzione di serotonina. Ed è proprio per questo motivo che il cioccolato fondente è ammesso anche all'interno di un regime dietetico dimagrante: un quadratino prima di andare a dormire non solo rilassa la nostra mente ma ci aiuta ad avere un sonno prolungato e tranquillo.

Le uova, come il cioccolato, sono ricchissime di nutrienti e, pertanto, non dovrebbero mancare mai nella nostra alimentazione. Oltre a tutte le vitamine del gruppo B, infatti, le uova vantano un'altissima concentrazione di acidi grassi Omega 3, vitamina D e zinco, considerate tra le sostanze più indicate per innalzare il tono del nostro umore. Attenzione a non esagerare: l'apporto settimanale di uova non deve superare le quattro unità.

Forse non tutti lo sanno ma l'avocado è annoverato tra i principali cibi della felicità. Ricco di vitamina E e di colina, l'avocado stimola la produzione di serotonina e, grazie alla sua versatilità, può essere impiegato nelle insalate, per preparare un'ottima salsa guacamole con tortillas e fungere come salsa di accompagnamento per panini e bruschette.

Anche la costante assunzione di frutta secca può innalzare i nostri livelli di felicità. Noci, nocciole, mandorle, pistacchi e semi di zucca, oltre a essere un'importante fonte di Omega 3, contengono magnesio, folati, vitamina E e melatonina, sostanze utilissime per dare una spinta in più all'organismo.

Più felici e attivi grazie al pesce, verdure e yogurt

Alici, sardine e acciughe non dovrebbero mai mancare sulle nostre tavole. Oltre all'importante apporto di Omega 3, il pesce azzurro ha il pregio di rilasciare serotonina e dopamina, gli ormoni deputati all'innalzamento dei nostri livelli di benessere.

Per ridurre lo stress e per migliorare il buonumore, facciamo incetta di verdure e yogurt, soprattutto quello greco. Se le prime, infatti, combattono il cortisolo, l'ormone dello stress, lo yogurt migliora il funzionamento del sistema nervoso centrale e migliora il buonumore. E poi, lo yogurt può essere arricchito con frutta e cereali: tra i cibi della felicità è sicuramente tra i più sfiziosi.

Non perderti nemmeno un articolo Seguici su Facebook

Hai domande o vuoi lasciare un commento?