Il cornetto Algida al cannolo di Martina Caruso

Una chef siciliana e il gusto del cannolo, una delle più gustose specialità gastronomiche della Sicilia: ecco il nuovo cornetto Algida Limited Edition per questa estate 2021 firmato da Martina Caruso, la più giovane chef ad aver ricevuto una stella Michelin.

Il cornetto Algida 2021 al cannolo siciliano

Come ormai da tradizione, ogni anno la Algida propone per l'estate un cornetto speciale, una limited edition di sapori spesso tutti italiani. Il 2019 era trascorso all'insegna di vaniglia, limone e caramello con il cornetto ideato dalla chef Isabella Potì, mentre nel 2020 lo chef Andrea Tortora aveva lanciato il cornetto con gelato alla panna e lampone in un cono al cacao.

Quest'anno l'estate 2021 è ormai alle porte e la Algida annuncia l'arrivo del suo nuovo cornetto ispirato al cannolo di Sicilia. Si può certo dire che la chef eoliana Martina Caruso, già insignita di una stella Michelin nel 2016, ci ha proprio messo del suo, donando alla sua versione del cornetto un cuore siciliano e il sapore di uno dei suoi più golosi dolci.

Una sfida non così semplice, però, quella di riprodurre il cannolo nel design di un cono gelato! Ecco quindi, per i più curiosi, una descrizione di come sarà composto l'atteso cornetto: la cialda del cono avrà un leggero sapore di cannella, il gelato contenuto all'interno sarà a base di panna con un sentore di ricotta, arricchito dalle immancabili variegature di salsa all'arancia.

Infine, la guarnitura consisterà in una colorata spolverata di granella di pistacchio, proprio come vuole la ricetta originaria del vero cannolo. Tradizionale e sperimentale allo stesso tempo: un gelato che solo uno chef poteva inventare!

La chef stellata dalle Eolie: Martina Caruso

C'è chi dice che crescere in un'isola può essere limitante, ma questo di certo non vale per Martina Caruso. Dall'isola di Salina nell'arcipelago delle Eolie e dal borgo marittimo di Malfa, non ha avuto paura di avventurarsi nel mondo e mettersi alla prova nei migliori ristoranti.

Ha lavorato a Roma per gli chef più esigenti e nella rinomata cucina della Torre del Saracino vicino a Pompei, poi a Londra da Jamie Oliver e a Lima, in Perù, con Pedro Miguel Schiaffino, per poi ritornare, infine, al suo luogo natio. Oggi nell'isola eoliana di Salina conduce, infatti, assieme al fratello Luca il già celebre ristorante-hotel di famiglia, il Signum.

Così la giovanissima Martina Caruso, classe 1987, oltre ad essere stata inserita nella Guida Rossa Michelin con una stella, ha già ricevuto anche una segnalazione come migliore donna chef d'Italia. Tra gli ultimi riconoscimenti, l'anno scorso Forbes Italia l'ha nominata tra le 100 donne di successo emergenti del 2020.

La parabola culinaria di Martina Caruso ci dice quindi che dalla cucina internazionale è sempre bello tornare alle proprie origini. E, cogliendo al balzo la palla che la Algida le ha lanciato, la pluripremiata chef ha avuto l'opportunità di mettere tutti gli aromi della sua Sicilia in un cornetto. E noi, assaggiandolo, potremo di certo dire che ha avuto ragione.


Ph credits: Martina Caruso Chef and @CornettoIT on Facebook 

Non perderti nemmeno un articolo Seguici su Facebook

Hai domande o vuoi lasciare un commento?