La Franceschetta58 di Bottura versione delivery in espansione

Il servizio di delivery di La Franceschetta58, di Massimo Bottura amplia a tutto il territorio italiano il servizio di consegna. Anche la "sorella minore" di Osteria Francescana ha deciso di fare un passo in avanti dopo il grande successo che il servizio di delivery ha ottenuto nel primo periodo del lockdown.

Un servizio ampliato a tutta Italia, o quasi

Una nuova sfida per Franceschetta58, che vuole impostare un delivery innovativo, fatto su misura e "do it yourself" caratterizzato sempre da un altissimo livello qualitativo, estendendolo a livello nazionale. Il nuovo servizio sarà sempre in linea con l’immagine del gruppo di Massimo Bottura, partendo dalla preparazione dell’ordine, fino alla consegna al consumatore, tenendo il tutto nell’ambito delle 72 ore dal momento dell’ordine.

Enrico Vignoli che nel management dell’Osteria Francescana è il braccio destro di Massimo Bottura ha spiegato la scelta dichiarando che fin dall’inizio il gruppo si è posto degli obiettivi molto ambiziosi per quanto riguarda la qualità del servizio. In una prima fase lo studio ha riguardato il miglior modo per garantire un arrivo in tempi rapidi dei prodotti semilavorati presso i clienti e dare loro il modo di finirli divertendosi. In questo modo, ha proseguito Vignoli, i clienti potevano giocare e contribuire all’esperienza, come quando si recano presso i nostri locali fisici. L’idea del gruppo, secondo Vignoli, è quella non solo di consegnare del cibo presso le case dei clienti, ma anche di far rivivere a tutti in casa propria una esperienza come quella del ristorante. Questo naturalmente in attesa di poter tornare quanto prima a sedersi ai tavoli del ristorante.

Il delivery a livello nazionale "Franceschetta58 At Home" viene seguito interamente e direttamente dal gruppo e la struttura che si sta realizzando è destinata a durare nel tempo. Ad oggi le sole regioni non servite da questo servizio sono la Calabria, l’area della provincia di Potenza in Basilicata e le due isole maggiori, Sicilia e Sardegna. Una condizione, spiega Vignoli, dovuta soltanto a difficoltà logistiche che si sta lavorando per eliminare. Riguardo all’attenzione che il brand pone per l’ampliamento delle opportunità offerte ai clienti, Vignoli cita il grande lavoro di squadra che non si limita soltanto alla preparazione dei prodotti, ma studia anche il miglioramento del packaging e a rendere sempre più efficiente la logistica aziendale.

La proposta di Franceschetta58

La proposta di Franceschetta58 ai suoi clienti è anche in questo caso a cura dello chef Francesco Vincenzi. Si tratta di un menù alla carta che attualmente comprende 7 piatti che sono stati scelti tra quelli più amati dagli italiani. Naturalmente non poteva mancare l’Emilia Burger e allo stesso tempo altri highlight che fanno parte della cucina "pop" di Massimo Bottura.

 

 

Tra questi i Fusilli Cavolo Nero, i Tortellini in crema di Parmigiano Reggiano, il pane piccante e la maionese all’acciuga e, tra i dolci la Zuppa Inglese. Sono in corso studi per mettere a disposizione della clientela altri abbinamenti sfiziosi e anche una idea di beverage, pensata appositamente per "coccolare" il cliente nel momento del dopo pasto. Le spedizioni dei prodotti partono ogni settimana il martedì ed il mercoledì mattina, relativamente agli ordini arrivati entro la mezzanotte di lunedì. Il costo della spedizione è di 18 euro, ma si azzera quando la spesa supera l’importo di 150 euro. Sempre Enrico Vignoli spiega che questa modalità è anche un modo per permettere a tutti i clienti di conoscere i prodotti e nello stesso tempo serve a diversificare l’immagine del gruppo, rivolgendoci ad un pubblico più ampio.

Il menù delle feste

Nei mesi di dicembre e gennaio sarà prolungata l’esperienza dei "pop up" realizzati da Franceschetta58 nelle città di Roma e Milano, con la collaborazione di MyMenù e Moovenda e che nei mesi scorsi hanno fatto sempre registrare il sold out. Ad affiancare questo prolungamento di una iniziativa di successo arriva anche un’altra iniziativa, battezzata il Menu delle Feste, che i clienti possono ordinare ordinabile fino al 20 dicembre e poi ricevere sia a Natale che a Capodanno. I prezzi partono da 120 euro per quello da 2 persone. In futuro dovrebbe arrivare anche uno shop online per appassionati di buon cibo che permetta di allargare le singole attività del gruppo.

Non perderti nemmeno un'articolo Seguici su Google News

Hai domande o vuoi lasciare un commento?