La vera storia d'amore che ha ispirato le Fettuccine Alfredo

Chi si reca in un ristorante italiano negli States non può fare a meno di assaggiare le celebri fettuccine Alfredo. Vi siete mai chiesti che origini abbiano? La loro storia ebbe inizio molti anni fa e la tradizione le ha fatte entrare letteralmente nella leggenda culinaria mondiale tanto da avere una giornata dedicata a loro sul calendario americano: il 7 febbraio infatti si celebra il National Fettuccine Alfredo day.

Il pegno d’amore e le fettuccine Alfredo

Le iconiche fettuccine Alfredo sono nate insieme ad una bella storia d’amore. Correva l’anno 1908 e Alfredo di Lelio, bisnonno dell’attuale proprietaria del ristorante Il Vero Alfredo, gestiva una trattoria molto piccola nei pressi della Galleria Colonna, a Roma. Sua moglie aveva appena partorito ed era particolarmente provata dal travaglio. Il parto le aveva tolto energia e appetito. Per cercare di rinforzare quel corpo esile e provato dallo sforzo, Alfredo volle preparare per lei un piatto semplice ma ricco di nutrienti. Si mise ai fornelli per cucinare fettuccine all’uovo arricchite con parmigiano e burro. A sua moglie piacquero così tanto che gli chiese di inserirle nel menù. Quell’intuizione si rivelò poi vincente.

La trattoria di Alfredo cambia sede e arrivano i divi di Hollywood

Qualche anno dopo, nel 1914, vennero effettuati importanti lavori in piazza e Alfredo, per continuare a lavorare, dovette trasferire la propria trattoria in via della Scrofa. Rimase lì fin dopo la Grande Guerra ma gli anni passati furono così duri da costringerlo a cedere il locale ai suoi dipendenti.

Dopo un po’ di tempo volle provare ad aprire un nuovo locale assieme al figlio: un ristorante vero e proprio in piazza Augusto Imperatore, ancora oggi aperto e gestito dalla nipote di Alfredo. Quel locali, inaugurato nel 1950, divenne un punto di riferimento per la Dolce Vita romana e i grandi attori arrivati da Hollywood.

Tutti vogliono assaggiare le fettuccine Alfredo

Le fettuccine Alfredo in quel momento iniziarono a essere particolarmente amate dalle star che frequentavano il nuovo locale e tutti volevano assaggiarle. A diffondere la voce dell’esistenza di questo squisito piatto avevano contribuito anni prima Mary Pickford e Douglas Fairbanks che durante il loro viaggio di nozze a Roma tornarono molte volte a mangiare presso il locale di Alfredo ordinando spesso quella specialità culinaria. Prima di tornare in Usa regalarono al proprietario un paio di posate d’oro recanti l’incisione: a Alfredo, il re delle tagliatelle.

La fama delle tagliatelle Alfredo

Il gusto delle tagliatelle Alfredo e la loro presentazione hanno affascinato per decenni i personaggi del jet set internazionale e italiano ma anche famiglie reali in visita di piacere o lavoro a Roma. Alfredo non le portava in tavola come un piatto qualsiasi ma aveva una sorta di rito che ripeteva ogni volta: mischiava gli ingredienti concludendo la preparazione davanti ai clienti accompagnato dalla tarantella.
Ancora oggi le tagliatelle Alfredo vengono servite in questo stesso modo ma senza l’accompagnamento della musica.

Non perderti nemmeno un articolo Seguici su Facebook

Hai domande o vuoi lasciare un commento?