Setai: l'app che ti dice quanto è sostenibile il cibo che compri

Proteggere il pianeta grazie ad un app che fornisce notizie sull'impatto ambientale di ciò che si sta comprando, ora è possibile. L'idea è venuta a due giovani ricercatori che hanno creato Setai, un applicazione che informa su salubrità e sostenibilità del cibo che si acquista nei negozi.

Setai, l'App dalla parte del pianeta

Andrea Longo ed Edoardo Danieli sono due giovani ricercatori che insieme alla collaborazione di eAmbiente, un'azienda veneta che si occupa da più di vent'anni di consulenza ambientale ed energetica, hanno trovato un modo molto semplice per individuare la cosiddetta "impronta di carbonio" o carbon footprint che serve per valutare l'impatto ambientale di un determinato prodotto.

In sostanza l'impronta di carbonio indica la quantità di gas serra che si sono generati durante tutto il ciclo produttivo di un alimento fino all'arrivo sullo scaffale del supermercato.
Così facendo, attraverso questa ingegnosa applicazione, si fornisce al consumatore finale una serie di indicazione che lo dovrebbero guidare durante gli acquisti alla scelta di prodotti più sostenibili per il pianeta, in quanto provenienti da un ciclo produttivo che non danneggia l'ambiente.

Come spiega Gabriella Chiellino che oltre ad essere presidente di eAmbiente e anche socia di Setai, il 25% delle emissioni che danneggiano il pianeta derivano proprio dalla filiera produttiva alimentare.
Avere quindi uno strumento che permette al consumatore di scegliere tra i prodotti che si trovano nei negozi, significa dare l'opportunità di fare qualcosa di concreto per l'ambiente.

Oltre a fornire indicazioni in merito all'impronta di carbonio, Setai fornisce una serie di indicazioni anche in merito alla salubrità degli alimenti, indicando ingredienti e valori nutrizionali del prodotto.
Insomma, un'app studiata per il bene della terra, ma anche per la salute delle persone.

Come funziona Setai

L'applicazione sviluppata dai due ricercatori di Mirano (VE) funziona in modo semplice, basta inquadrare il codice a barre presente sui prodotti e Setai fornirà oltre ai valori riguardanti la salubrità, una scala di colori dal verde al rosso e una gradazione numerazione da 1 a 10.
Il colore verde e il numeri più piccoli saranno indice di un basso impatto ambientale, il contrario se la colorazione tenderà al rosso.

Per stabilire se un prodotto è più o meno sostenibile, Andrea ed Edoardo hanno fatto riferimento a dei valori contenuti nei database certificati dell'UE, nonché di alcune Università che studiano il fenomeno della eco-sostenibilità attribuendo ad ogni prodotto un quantitativo di CO2, ma con riferimento al solo Paese in cui ha avuto inizio il ciclo produttivo.

A questo punto entra in funzione Setai che aggiunge una serie di informazioni che attengono al processo di trasformazione industriale e poi tutta la filiera del trasporto fino all'arrivo del prodotto sugli scaffali.
Analizzati tutti questi parametri, Setai è in grado di fornire all'acquirente un valore tra 1 e 10 e un relativo colore.
Spetterà poi al singolo decidere quale prodotto acquistare.

Per fornire un profilo sempre più completo dell'alimento che si sta per acquistare, in un prossimo futuro l'appilicazione dovrebbe essere in grado di fornire indicazioni sulle quantità di acqua consumate per la sua produzione, nonché sulla quantità di prodotti chimici impiegati per la produzione e trasformazione del prodotto.
Attualmente l'applicazione per un cosumo responsabile può essere scaricata da iOS e da smartphone Android.

Non perderti nemmeno un articolo Seguici su Facebook

Hai domande o vuoi lasciare un commento?